fbpx

Padova Slow Tour, a passo lento tra le piazze della città

Padova Slow Tour, a passo lento tra le piazze della città

Grazie a Magna Padova sto scoprendo anche io stessa molte realtà padovane che non conoscevo. Una di queste è Padova Slow Tour, un tour a passo lento di un paio d’ore che racconta il centro di Padova meno conosciuto tra piazze, piazzette e corti.

Questo tipo di tour di solito viene consigliato ai turisti. Personalmente io lo consiglio, oltre che ai turisti, ad amici e conoscenti che non conoscono Padova ma anche ai padovani, perché penso che possa essere interessante anche per chi, come me, adora scoprire sempre qualcosa di nuovo sulla propria città. Quindi, in pratica, lo consiglio davvero a tutti.

E cosa c’entra con il cibo?

La storia è fatta anche di cibo. Lo sapevi che Sotto il Salone è il mercato coperto ancora in attività più antico d’Europa? E lo sai perché i mercati di Piazza delle Erbe e Piazza della Frutta sono proprio lì, ai due lati del Palazzo della Ragione? Se non lo sai, potrai scoprirlo partecipando al tour!

Padova Slow Tour

Appena ho scoperto l’esistenza di Padova Slow Tour, mi sono subito prenotata per la prima visita guidata post COVID-19, a giugno 2020. Armata di mascherina e gel igienizzante, mi sono trovata con la guida turistica abilitata al punto d’incontro, all’Ufficio IAT – Informazioni e Accoglienza Turistica all’interno della Galleria Pedrocchi. Puntuali, alle 17:45, insieme ad altri tre partecipanti ci siamo incamminati per le vie del centro di Padova, non prima di esserci scattati un selfie. Ormai un po’ social dobbiamo esserlo tutti, no?

Il tour inizia a pochi passi dal punto d’incontro, proprio di fronte al bar più antico di Padova: il Pedrocchi.

Come ci aspettavamo, non ha tardato molto ad arrivare la pioggia, ma avevamo gli ombrelli pronti e i portici della città ci hanno aiutati a ripararci.

Abbiamo proseguito senza allontanarci di molto e mi sono resa conto che solo nel centro di Padova, che di media non è nemmeno troppo grande, ci sono davvero tantissime piazze e piazzette, per non parlare delle meravigliose corti che spuntano dal nulla. Alcune di queste corti purtroppo sono private e inaccessibili a causa dei cancelli ma, sbirciando all’interno, è stato comunque possibile intravederle ascoltando la loro storia raccontata da Luigina.

E infine, il tour si conclude in Piazza dei Signori, di fronte all’orologio astronomico-astrologico.

Padova Slow Tour: il bis

Aggiornamento: Circa un mese dopo il mio primo tour, tanto mi era piaciuta la passeggiata che ho fatto il bis. Ne ho approfittato anche per conoscere la guida turistica grazie alla quale ho conosciuto Padova Slow Tour, Giovanna.

Abbiamo visitato più o meno gli stessi punti ma, essendo diretta sempre da una guida turistica differente, ogni passeggiata sembra diversa pur essendo molto simile. Pur avendo partecipato due volte, quindi, non mi sono per niente annoiata e anzi, ho scoperto nuovi aneddoti e curiosità grazie alle diverse passioni delle guide che mi hanno accompagnata durante le passeggiate.

I dettagli

I tour estivi di Padova Slow Tour sono disponibili tutti i sabato nel tardo pomeriggio e durano all’incirca un paio d’ore.

In autunno invece i tour, sempre al sabato, inizieranno più presto.

Per i dettagli o per richiedere maggiori informazioni raccomando di seguire le loro pagine social sempre aggiornate e di chiedere direttamente a loro o all’Ufficio IAT:

telefono 049 5207415
e-mail ufficioturismo@comune.padova.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.